Obesità e fame: un paradosso? In realtà i paradossi sono due. Il primo paradosso è che mentre abbiamo raggiunto la maggiore produzione di cibo nella storia, oltre un decimo della popolazione mondiale - in Africa, in Asia, in America Latina, ma non solo - soffre la fame.            

Il secondo paradosso è che fame e obesità stanno diventando le due facce della stessa medaglia. Osserviamo due situazioni apparentemente agli antipodi: gli Stati Uniti e la Mauritania.

Negli Stati Uniti, massima potenza economica occidentale, indagini attendibili, rappresentative ed accurate (lo studio Nhaves, ad esempio) mostrano un crescente e costante aumento di sovrappeso e obesità nella popolazione adulta negli ultimi 40 anni: quasi il 64% degli statunitensi risulta oggi avere un IMC maggiore di 25, con un 31% addirittura obeso. Se la tendenza rimarrà confermata, si prevede che ciò potrebbe comportare una riduzione della vita media tra 2 e 5 anni entro il 2050.

La Mauritania è un Paese africano con tutti i gravi problemi dei paesi del Terzo mondo, compresa una quota rilevante di popolazione con quantità di cibo insufficienti; paradossalmente, accanto alla "malnutrizione per difetto" - la fame - sta prendendo consistenza anche quella "per eccesso": tra le fasce meno abbienti della popolazione qualcuno soffre la fame e qualcuno ha problemi di obesità (si prevede che tra non molti anni oltre un terzo degli obesi saranno nei Paesi del Terzo Mondo).  

In tutto il mondo occidentale il problema dell'obesità e del sovrappeso - ma anche spesso il consumo e l'abuso di alcol e sigarette - riguarda ormai principalmente le fasce "basse" della popolazione; ingrassa, soprattutto, chi ha poco reddito o poca cultura, o entrambe le situazioni.

Qualcuno avrà già capito che i due problemi si potrebbero risolvere insieme; come ben racconta l'anglo-indiano Raj Patel (I padroni del cibo, 2007), si possono cambiare le cose, se si agisce sulle leve giuste e se si toglie il potere economico-decisionale a chi sta facendo montagne di soldi sia con la pandemia di obesità sia con le carestie programmate. (nella foto elenco di Paesi con problemi di sovrappeso e sottopeso)